Non solo antivirus: un ecosistema digitale per proteggerci dai rischi del web



Perché è importante installare un antivirus sul PC ed utilizzare strumenti per proteggerci dai pericoli del web? Vi racconto la mia esperienza con Avira Prime, un ecosistema digitale grazie al quale ho capito di poter fare molto di più per la mia privacy, sicurezza e per tenere in ordine il mio computer.

antivirus avira sicurezza digitale firewall password prestazioni computer cybersecurity laura fasano benessere tecnologico tecnolaura

Nella vita reale, mascherine, igienizzanti e accorgimenti vari possono proteggerci dai virus che minacciano la nostra salute.

E online? I virus esistono anche in versione digitale, per questo dobbiamo munirci di consapevolezza, antivirus e altri tool per difenderci dai rischi del web.

Cos’è un antivirus e a cosa serve?

Un antivirus è un programma creato per proteggere i nostri dispositivi, tra cui computer, notebook, tablet e smartphone, dai cosiddetti malware.

Analizza e controlla file e software che stanno per entrare nel nostro sistema: se considerati sicuri possono passare, altrimenti vengono bloccati, un po’ come con l’antifurto di casa.

Per comprendere meglio perché può essere utile acquistare un servizio che si prenda cura della nostra sicurezza online, iniziamo da qui.

3 motivi per cui è importante pensare alla nostra sicurezza digitale

1. La nostra memoria, da sola, non basta a garantirci la sicurezza di cui abbiamo bisogno.

Ormai da smartphone e PC accediamo a tantissimi servizi – come conti bancari, SPID, social network e tanti altri – che ci semplificano notevolmente la vita ma che hanno anche bisogno di particolare attenzione e cura.

Regola numero 1?

Non utilizzare la stessa password per tutti. E qui la situazione si complica.

Una password sicura è complessa: tra 8 e 16 caratteri, lettere e numeri, simboli, lettera maiuscola…

Quante password così possiamo ricordare? Anche se all’aumentare della frequenza di accessi con una determinata password aumenta la nostra capacità di ricordarla, i parametri necessari a renderla sicura rendono davvero difficile la memorizzazione da parte nostra.

Password sicura = password difficile da ricordare. Tante password difficili da ricordare = Password overload.

Senza un tool apposito riusciamo davvero a gestire tutte le password e a fare in modo che rispettino i requisiti di sicurezza? Personalmente, faccio molta fatica.

La nostra capacità di ricordare è limitata in questo senso anche dall’impossibilità di elaborare semanticamente la password che abbiamo scelto (cioè darle un senso, un significato per aiutarci a ricordare).

A proposito, potrebbe interessarti anche questo articolo in cui abbiamo parlato di come l’utilizzo della tecnologia sta influendo sulla nostra memoria.

Ecco qui, invece, un esperimento che riguarda proprio la memorizzazione delle password.

2. Online seminiamo e cediamo una quantità incredibile di dati personali, anche sensibili.

Un occhio in più sulla loro sicurezza non guasta.

Le impostazioni che selezioniamo per il nostro pc saranno quelle giuste e le più sicure? Siamo consapevoli di quali dati cediamo a terzi e perché questi li utilizzano?

Non tutti – com’è normale che sia – possediamo competenze e conoscenze specifiche sull’argomento e, in generale, la nostra attenzione non basta da sola.

Utilizziamo inoltre nuove tecnologie sempre più complesse e interconnesse, che ci pongono davanti a nuove sfide in campo di cybersecurity e privacy e aprono nuove “porte” ai cybercriminali.

3. Le truffe si fanno sempre più efficaci e mirate, gli attacchi più precisi.

La posta in gioco diventa sempre più alta per noi utenti che ormai memorizziamo, condividiamo, gestiamo e controlliamo gran parte della nostra quotidianità da strumenti digitali.


Qui, in particolare, abbiamo parlato dei meccanismi psicologici che rendono le truffe online così pericolose.

Ed ecco come la tecnologia può venire in nostro soccorso.

Una Suite per la Sicurezza Digitale: la mia esperienza con Avira Prime

Ho avuto modo di provare Avira Prime per qualche mese e devo dire che è stata proprio una bella scoperta: non si tratta solo di un antivirus ma di un vero ecosistema al servizio della nostra sicurezza digitale.

Trovo molto comoda la possibilità di gestire da un unico hub elementi come sicurezza, privacy e prestazioni del computer.

Tante funzioni a portata di pochi click. Eccone alcune tra le più interessanti:

  • controllo degli aggiornamenti di tutte le app del pc: app aggiornate = maggiore sicurezza, anche contro nuovi malware;

  • blocco degli annunci durante la navigazione web: sappiamo bene quanto la pubblicità talvolta sia fastidiosa e invadente;

  • gestione delle password: tool davvero utile e importante, consiglio a tutti di averne uno per tenere al sicuro e memorizzare password forti e sempre diverse;

  • gestione delle impostazioni di privacy: si tratta di parametri, come il tracciamento della nostra posizione e delle nostre attività da parte di app e servizi vari, che tendiamo un po’ a perdere di vista con il tempo.
    Magari le impostiamo la prima volta senza dargli troppo peso e poi non le cambiamo più.
    Con Avira Prime è possibile aggiornarle sulla base dei consigli di esperti o personalmente in modo più approfondito;

  • controllo e aggiornamento dei driver: permette il funzionamento corretto di tutti i dispositivi collegati al nostro pc (tastiera, stampante, wi-fi…);

  • protezione delle email, delle transazioni bancarie e degli acquisti online;

  • miglioramento delle prestazioni del pc: grazie ad un click è possibile liberare spazio sul pc eliminando file inutili e obsoleti, velocizzare l’avvio del dispositivo e risparmiare batteria.

Queste sono solo alcune delle funzionalità più utili di Avira Prime.

Tanti piccoli accorgimenti che è molto difficile attuare autonomamente, sia perché molte volte non ci pensiamo, sia perché non sappiamo come fare, sia perché a volte siamo semplicemente un po’ pigri (e sottolineo siamo 🙈).

Se oggi non è completamente indispensabile acquistare un antivirus (ma lo è sicuramente installarne uno sul nostro pc), può essere utile avere un servizio che ci aiuti a tenere sotto controllo tutti i possibili rischi che derivano dall’avere una vita online.

Una piccola tip

Come sappiamo, “mettere la testa” in tutto quello che facciamo online è il primo passo per proteggerci dai rischi.

Importantissimi in questa “lotta” sono anche gli aggiornamenti: non dimentichiamo di farli sempre o di impostarli su “automatico”. L’antivirus deve essere sempre in grado di riconoscere i malware più recenti.

avira antivirus sicurezza online digitale tecnologia password tecnolaura laura fasano benessere tecnologico

Spero che questo breve viaggio nel mondo della sicurezza digitale vi sia piaciuto. Se pensate che questo articolo possa essere utile a qualcuno non esitate a condividerlo!

Cosa ne pensi? Commenta su Facebook!

Informazioni su Laura Fasano

Laura Fasano (sui social @tecnolaura), techblogger e content creator. Di formazione psicologica, sui social e sul mio sito benesseretecnologico.it parlo delle ultime novità tecnologiche e di come il mondo digitale sta cambiando la nostra vita. Eventi tech, innovazioni, tool utili ed esperienze immersive sono all'ordine del giorno sul mio profilo Instagram. Collaborando con diversi brand condivido una prospettiva positiva rispetto al mondo digitale e alle possibilità che questo offre per potenziare competenze e benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.